image header

Il Sacro Monte

Un ricco patrimonio culturale

Il complesso è formato da diversi elementi che si sono sviluppati e modificati nel tempo. In cima a uno scenografico sperone di roccia si trovano il convento, che comprende anche un piccolo museo, e il santuario dell'Assunta detto della Madonna del Sasso, ai quali si ascende percorrendo due vie. Lungo la strada della Valle si snodano la chiesa dell'Annunciata e varie cappelle animate da gruppi statuari e dipinti murali. Sullo stesso versante si trovano pure le edicole della Via Crucis con bassorilievi in ghisa.

Secondo la tradizione il santuario viene fondato in seguito all'apparizione miracolosa della Vergine a fra' Bartolomeo Piatti da Ivrea, del convento di San Francesco di Locarno, avvenuta nel 1480, alla vigilia della festività dell'Assunta (15 agosto). Alla sommità del monte sorgono quindi le prime due cappelle dedicate alla Vergine Avvocata (il nucleo originario della chiesa dell'Assunta) e alla Pietà, consacrate nel 1487 e, alle sue pendici, la chiesa dell'Annunciata, consacrata nel 1502. Nasce così l'idea di erigere un sacro monte dove ricreare i luoghi santi, probabilmente sul modello di quello costituito dal frate francescano Bernardino Caimi a Varallo Sesia sul finire del XV secolo. Il complesso si sviluppa soprattutto nel corso del XVII secolo con la costruzione delle cappelle del sacro monte e la trasformazione del santuario.